logo-liberarte-re

Tutti gli appuntamenti

« Dicembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

LINK

frati

Notizie, informazioni e curiosità sul portale dei frati minori cappuccini dell'Emilia-Romagna.

Newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER - Non sei ancora iscritto alla nostra newsletter? Che cosa aspetti? Bastano pochi clic e sarai sempre informato su tutte le nostre iniziative...

COLLEZIONE DEL RIO

Fra i dipinti di epoca più recente raccolti nel Museo dei Cappuccini di Reggio Emilia ci sono quelli donati nel 1982, in esecuzione di un legato testamentario, dal reggiano uomo d’affari Carlo Del Rio (Reggio Emilia, 1897-1982).

Si tratta di un consistente gruppo di opere di pittura e scultura variamente databili dal XVII-XVIII secolo fino al principio del XX, che costituivano la collezione privata di famiglia messa insieme verosimilmente tra la fine dell’Ottocento e i primi anni Trenta del Novecento da Paolo Del rio (1869-1934), padre di Carlo, amatore d’arte e pittore dilettante egli stesso.

La raccolta rappresenta una preziosa testimonianza del gusto di una classe borghese di provincia, e contribuisce a delineare il più ampio quadro della storia del collezionismo artistico italiano dell’Ottocento. Essa comprende, tra gli altri, dipinti di paesaggisti reggiani del XIX secolo, tra i quali si segnalano Paesaggio con campo di grano, Ruscello nel verde, la raccolta delle more di Paolo Ferretti (1822-1904); Casale nella campagna romana di Alessandro Prampolini (1823-1865); Il torrente asciutto di Alfonso Beccaluva (1839-1871), due Paesaggi lacustri di Lazzaro Pasini (1861-1949).

Fanno parte della raccolta anche cinque tempere con Paesaggi di fantasia attribuiti al pittore faentino Pietro Piani (1770-1841) e un paio di paesaggi di Ottorino Davoli (1888-1945).

Inoltre, la collezione comprende anche diversi ritratti di famiglia fra i quali spiccano quelli di Virgilio Del Rio e di sua moglie Cristina Bolognini, nonni di Carlo, eseguiti nel 1869 da Gaetano Chierici. Vanno segnalati anche ii piccoli tondi in gesso con ritratti in bassorilievo di personaggi della famiglia Bolognini, opera di scultore reggiano, realizzati intorno al 1840, e un ritratto di giovinetta, forse identificabile con Marianna Bolognini, attribuito a Carlo Zatti (1810-1899).

Galleria immagini

sandalo-piccoloBeni Culturali Frati Cappuccini
Museo  tel. 0522. 580720 -   Biblioteca  tel. 0522. 453733 - Cinema Cristallo 0522. 431697        Privacy & Cookies